martedì 17 luglio 2012

Siracusa, l’aula bunker si fa teatro. Ospiterà Pirandello per Borsellino


L’aula bunker, ai Pantanelli, dove si sono celebrati molti processi di mafia, diventerà presto laboratorio teatrale dell’Inda. Il progetto, in parte sospeso nel periodo appena concluso delle rappresentazioni classiche, sarà ripreso a partire dai prossimi giorni e, intanto, un primo spettacolo è già in programma per il 19 luglio. L’annuncio è del sovrintendente Fernando Balestra, che in occasione della morte del giudice Paolo Borsellino presenterà con i ragazzi dell’Accademia d’Arte del Dramma Antico, Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello.
“Rendendo onore alla memoria del giudice Borsellino – dichiara Balestra – metteremo in scena i Sei personaggi in cerca d’autore proprio nell’aula bunker, sede dei processi di mafia, anche contro l’Istituto”. Sarà questa l’occasione per consegnare i diplomi agli allievi del primo corso triennale dell’Accademia, protagonisti del quaratottesimo ciclo di spettacoli classici al Teatro Greco.” A loro il compito – aggiunge il sovrintendente – attraverso la lezione della cultura classica, di essere a un tempo testimoni di bellezza e legalità”.
L’aula bunker diventerà dunque un “teatro -studio – spiega Balestra – un luogo, dove fare sperimentazioni, dibattiti, incontri: una sala di 500 posti destinata alla produzione di spettacoli della nascente  “Compagnia classica dei giovani”.
Un luogo, inoltre, dove ci auguriamo possano essere saldati i rapporti tra teatro, cultura e società civile”.
Questa iniziativa dovrebbe servire ancora una volta, è opinione del sovrintendente, a dare un segno della  “Sicilia rinnovata che guarda al futuro”: con l’Inda come esempio, inequivocabilmente in attivo dopo il 2006 con un nuovo record di incassi con oltre tre milioni di euro nel 2012, “aprendosi a collaborazioni internazionali di grande prestigio – sottolinea il sovrintendente dell’Inda – e coltivando una nuova classe di interpreti”. (*M.T.*)
Marilena Toscano, Il Giornale di Sicilia
domenica 8 luglio 2012, pag.49

Nessun commento:

Posta un commento